Montù Beccaria Comune in Oltrepò Pavese

Home  >>  Montù Beccaria Comune in Oltrepò Pavese

Montù Beccaria (Muntü in dialetto oltrepadano) conta 1.642 abitanti dislocati in diverse frazioni e si trova nella prima fascia collinare dell’Oltrepò Pavese, in Valle Versa.

Montù appare, come Monte Acuto, nel diploma con cui Federico I concesse la maggior parte dell’Oltrepò alla città di Pavia. Montù era dotato di un castello, che fu distrutto nel 1216 dai Piacentini in lotta con i Pavesi, ma che fu poi ricostruito ed oggi sede di un’impresa agricola. Verso la fine dello stesso secolo divenne dominio dei Beccaria, anzi una delle loro principali piazze strategiche. Nel 1591 questo ramo della casata si estinse con il conte Aureliano; egli lasciò in eredità il castello ai padri Barnabiti, che per lungo tempo furono i maggiori proprietari terrieri del comune. Il feudo invece fu incamerato, e venduto nel 1609 ai Salimbene, da cui passò ai Bellone (1665) e nel secolo successivo (1786) ai Martini, che lo tennero fino all’abolizione del feudalesimo nel 1797.

BeviAMOntù, che si svolge la prima settimana di giugno e l’Agosto Montuese che so svolge dopo ferragosto, sono i due eventi che attraggono centinaia di persone ogni anno a Montù Beccaria.

Montù Beccaria è il classico comune oltrepadano che fonda la sua ricchezza sull’economia vitivinicola; in questi vigneti vengono raccolto diverse tipologie di uve che poi danno origine a spumanti e vini di grande qualità. Questa “economia enogastronomica” influenza anche la mondanità di Montù Beccaria; diverse sono le iniziative che si susseguono durante l’anno, ma quelle più importanti sono BeviAMOntù che si svolge nel mese di giugno e l’Agosto Monteuese che si svolge alla fine di agosto. A Montù Beccaria, benchè si parli di un piccolo comune è presente anche un teatro, il Teatro Dardano, che ospita spettacoli ed incontri per la comunità montuese e merita una vista la Chiesa Parrocchiale di San Michele, posta nel centro del paese.